Punteggiatura-regole-base

Le regole alla base della punteggiatura

Non è scontato soffermarsi sulla punteggiatura: tra le norme grammaticali, è un campo che sconta una certa difficoltà a trovare una codificazione fissa e comune; in più, è concesso un margine di libertà che rende ancora più difficile mettersi d’accordo una volta per tutte. E tuttavia, delle regole almeno indicative si possono dare.

Che cos’è la punteggiatura e quali funzioni svolge

Punteggiatura o interpunzione è l’insieme di segni non alfabetici che scandiscono un testo scritto e ne contrassegnano i rapporti logico-sintattici. La sceneggiatrice e editor Francesca Serafini, in Questo è il punto. Istruzioni per l’uso della punteggiatura (Laterza, 2012), libro che riesce a unire completezza di esposizione a una notevole gradevolezza nella lettura, mette in guardia da un errore comune: considerare ogni segno una pausa di respirazione nel parlato. Il linguista e filologo Luca Serianni, in Grammatica italiana. Italiano comune e lingua letteraria (UTET, 1989, 2006) scritto in collaborazione con Alberto Castelvecchi e forse la più importante grammatica oggi in circolazione, distingue quattro funzioni della punteggiatura:

  • Funzione segmentatrice: segmentare un testo ponendo distanza tra le sue parti, per evitare ambiguità;
  • Funzione sintattica: esplicitare i rapporti sintattici tra le parti di un testo;
    funzione emotivo-intonativa: interessa quei segni di interpunzione – punto esclamativo, interrogativo e puntini sospensivi – che conferiscono alla frase un’intonazione e suggeriscono un’emozione;
  • Funzione di commento (o metalinguistica): riguarda interventi esterni al testo possibili ad esempio tramite uso delle virgolette o del corsivo.

Come utilizzare i segni interpuntivi

  • [ . ] = il punto indica una pausa forte e conclude una frase; si usa inoltre per le abbreviazioni.
  • [ , ] = la virgola indica una pausa breve; separa gli elementi delle enumerazioni; si trova nelle coordinazioni asindetiche (coordinazione di frasi senza l’uso della congiunzione); è usata prima delle apposizioni, prima o dopo il vocativo, negli incisi, nelle ellissi.
  • [ : ] = i due punti indicano la conseguenza o l’effetto di qualcosa; precedono l’enumerazione di parti di un insieme; precedono una frase che funge da apposizione; introducono un discorso diretto.
  • [ ; ] = il punto e virgola indica una pausa più forte della virgola; distingue coordinate complesse; distingue elementi di enumerazioni complesse.

Punteggiatura-regole-alla-base

  • [ … ] = i puntini di sospensione sono tre e indicano una sospensione del discorso; precedono un gioco di parole e simili; indicano, nelle citazioni, l’omissione di qualcosa.
  • [ ? ] = il punto interrogativo contraddistingue una frase interrogativa.
  • [ ! ] = il punto esclamativo contraddistingue un’esclamazione.
  • [ « » ] [ “ ” ] = le virgolette basse o caporali e le virgolette alte sono usate per citazioni o dialoghi.
  • [ ‘ ’ ] = gli apici sottolineano un’espressione o indicano un significato.
  • [ – ] = il trattino breve è usato per andare a capo; lega le parti di una parola composta; separa le cifre; ecc.
  • [ – ] = il trattino lungo introduce il discorso diretto; due trattini lunghi delimitano un inciso.
  • [ ( ) ] = le parentesi tonde contengono un inciso.

Segni interpuntivi meno usati sono le parentesi quadre, l’asterisco, la sbarretta. Rientra inoltre in questa categoria l’apostrofo.

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.